Luigi Di Gianni e la magia del sud

Buonasera! Questa volta si parla di un documentarista: Luigi Di Gianni, laureato in filosofia e diplomato presso il Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma, ha girato tra dagli anni Sessanta moltissimi documentari che hanno come oggetto l’arcano, i rituali e i modi di vivere di un’Italia che proprio in quegli anni stava scomparendo per il boom economico, l’industrializzazione e l’urbanizzazione delle masse. Ma Di Gianni non si dimentica degli ultimi e di coloro che sembrano essere stati dimenticati dalla storia.Difatti, oltre all’Italia che si arricchisce e si ammoderna, negli anni del boom c’è un’Italia che fatica, che resta ancorata con le unghie e con i denti alle tradizioni rurali e contadine e allo stesso tempo ai riti magici e pagani che sopravvivevano nelle campagne. Di Gianni si occupa di portare sulla scena questa Italia, queste persone in film come Magia lucana, in cui un contadino lucano parla con il sole, le nuvole, la natura e ogni aspetto della vita è intriso di spiritualità, compresa la nascita di un bambino; o come Il male di San Donato, dove mostra le celebrazioni che a Montesano Salentino si tengono per san Donato, santo che libera epilettici e malati di mente. Ogni anno, nel giorno di San Donato, la folla si riversa per il paese e la processione si trasforma in delirio mistico collettivo. Anche in Il culto delle pietre, girato nel 1967, si mostrano scene di religiosità: nei pressi di Raiano, in Abruzzo, si dice che nelle grotte lì attorno abbia dimorato San Venanzio e proprio per questo ogni anno nel giorno dedicato al santo, le persone si recano a strofinarsi con quelle pietre che si dice curino dai mali.

Un anno dopo, nel 1968, Luigi Di Gianni avrebbe girato Nascita di un culto, in cui racconta della nascita di un culto a Serrardace, in provincia di Salerno, dove è nato il culto di Alberto Gonnella, giovane seminarista morto in seguito ad un incidente. Alberto si manifesta tutti i giorni attraverso la zia Giuseppina che lui stesso possiede. E dello stesso anno è La potenza degli spiriti che racconta del signor Giuseppe Cipriani che nella provincia di Avellino pratica magie ed esorcismi.

Ma accanto a pellicole che documentano i culti magici e i rituali del sud ci sono anche documentari racconti dei paesini italiani come Un paese che frana (1964). Il paese in questione è Succiso, in provincia di Reggio Emilia, dove gli abitanti devono fare i conti con i problemi di dissesto geologico del loro già povero paese. Questo porta molti degli abitanti ad emigrare. Altri disastri narrati da Di Gianni sono Frana in Lucania, dove avviene più o meno quello che accadeva a Succiso, e Vajont (Natale 1963), documentario drammatico che racconta come hanno passato il Natale i superstiti del disastro: a vegliare i propri morti, sepolti nel cimitero di Fortogna, e a pregare.

Molti dei suoi film sono raccolti nel dvd Uomini e spiriti. I documentari di Luigi Di Gianni, si tratta infatti di video piuttosto brevi, tra i dieci e i venti minuti, che riescono però a narrare un mondo e un modo di vivere visto come arcaico. Vengono riprese scene molto forti di stati di trance, estati e possessione. Più che la nostalgia, lo sguardo del regista sembra soffermarsi sulla durezza di quel mondo.

Se cercate dei documentari che privilegiano l’oggettività estrema e premino il distacco, probabilmente questi non sono i documentari che fanno per voi. Molto spesso le scene proposte sono state girate ad hoc, nel senso che il regista ha chiesto ai protagonisti di riproporle per riuscire a riprenderle. E infatti, come ha scritto Maria Cristina Lasagni: «Di Gianni privilegia atmosfere intense, situazioni in cui è difficile distinguere fra una percezione soggettiva e una realtà oggettiva, situazioni in cui la coscienza normale risulta alterata.»

Io vi invito in ogni caso a dare un’occhiata al lavoro di questo documentarista,

Un saluto

Eleonora

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: